Breakfast in America

Hot dog, mini burger and black currant pancakes

Come sempre fanalino i coda in ogni tappa (quando non le perdo del tutto)…sigh!
Ho ravanato nel blog in cerca di qualche ricetta che avesse qualcosa di vagamente americano ma senza aver trovato nulla, così ho deciso di preparare una colazione che sì avesse qualcosa di vagamente americano! :D

“La prima catena di hamburger restaurant nacque nel 1916 in Kansas, ma ci volle ancora qualche anno prima che l’idea conquistasse gli americani.
I carrelli che vendono hot dog sono una vera istituzione a New York. Diffusi ovunque, sfamano i passanti affamati e frettolosi da più di un secolo.
Quando i primi coloni europei arrivarono bel Nuovo Mondo, i nativi americani avevano già sviluppato raffinate tecniche di conservazione dei mirtilli, per poterli mangiare tutto l’anno.”

Dal libro ” Il giro del mondo in 80 spuntini” ed. Il Viaggiatore.

Mini hot dogs alla newyorkese, mini hamburger americani e pancakes ai mirtilli.

Hot dog, mini burger and black currant pancakes

Per i panini
250gr di farina (ho usato integrale)
165ml di acqua tiepida
un pizzico di sale (se lo potete usare)
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
1 cucchiaino colmo di lievito di birra secco
1 Uovo sbattuto per spennellare (me lo sono dimenticata)

Hambuger
250gr di carne di manzo trita
1 mela finemente tritata
1 cucchiaio di cipolla finemente tritata
un spruzzo di salsa di Tabasco
pepe

Hot dog
20 piccoli wurstel da cocktail
senape dolce
ketchup

In una terrina mettete la farina mescolata con il sale, fate la fontana e aggiungete l’acqua e l’olio.
Spargete il lievito di birra sul liquido e lasciate sciogliere per 2-3 min. Amalgamate poco a poco la farina e lavorate la pasta fino ad ottenere un composto umido e appiccicoso. Trasferite la pasta su un piano infarinato e lavoratela per 10min fino a renderla liscia ed elastica. Ponetela in una terrina, copritela con pellicola trasparente e lasciatela lievitare in un luogo tiepido per 1 ora e mezzo.
Dividete l’impasto in 20 piccoli pezzi. date loro la forma di un cilindro lungo 3 cm/ piccoli panini rotondi. Metteteli su una placca foderata con carta forno e lasciateli lievitare ancora per 20min.
Oppure tutto nel bimby 20sec vel. 3 e poi 10 min tasto Spiga! :D
Infornate in forno caldo per 10-12 min a 200°- Sfornate e lasciate raffreddare.
Nel frattempo preparate l’impasto per i hamburger, formate dei piccoli polpette un po’ schiacciate e cuoceteli in una padella con un filo di olio.
Fate lo stesso con i mini hot dog.
Tagliate a metà (per i hot dog non fino in fondo). Farcite i panini con un po’ di ketchup o altra salsa al pomodoro, mettete gli mini hamburgers e hot dog, aggiungete del senape per i hot dog e servite subito! Aspettate i aaaaaah ed i ooooooh dei vostri commensali! :D
(li avevo fatti sia per la cena di sabato sera che per la colazione della domenica :D)

Pancakes ai Mirtilli
225 g di farina dei Miracoli (poco glutine)
2 cucchiai di lievito in polvere
2 cucchiai di zucchero semolato fine (se lo usate, ma sono buonissimi senza!)
un grosso pizzico di sale (se lo potete usare)
3 uova leggermente sbattute
425ml di latte
50gr di burro fuso (non l’ho messo)
100gr di mirtilli freschi (anche di più)
olio di girasole per ungere
sciroppo di acero e panna montata per servire (mmmm..saltato a piè pari..Flo pesa 106kg ed io ho ridotto i latticini e non dolcifico praticamente più)

Tutto allegramente mescolato poco in una terrina, io vado a occhio…qui facciamo pancakes o palacinke da sempre :D. Oppure come da ricetta: prima farina, sale, zucchero e lievito. fate la fontana in mezzo e versate uova e latte. Con un cucchiaio mescolate quanto basta e amalgamate gli ingredienti, poi aggiungete burro e mirtilli. Non lavorate troppo l’impasto: i pancakes risulteranno più morbidi.

In una padella unta con un filo di olio di girasole mettete un mestolo di impasto alla volta cuocendo su tutti due lati.
Servite subito (quelli che non avete mangiato mentre stavate cucinando :D)

Hot dog, mini burger and black currant pancakes

Le ricette le porto alla mia amica Simona di Briciole che ci ospita in USA ancora per pochi minuti.

521f2-logo