Gnocchi alla Norma :-) (it)

eilaaaaaa, tutti in Sicilia!
Se non fosse che mi piace da morire Ischia, direi Sicilia l’Isola più bella d’Italia.
Ma non sarebbe giusto in confronto di tutte le altre 138 magnifiche isole di questo splendido paese che è l’Italia!
Sicilia, terra di confine, terra di inizio, terra di mille civiltà.
Magnifica, regale, unica.
La cosa che mi ha colpito maggiormente, si, la gente solare, i paesi splendidi, le spiagge invidiabili..
è stata quanto era verde.
Non me l’ho aspettavo. Ci sono stata solo due volte ma sono state due volte indimenticabili.
La prima volta all’inizio di Giugno con i Fichi d’india in fiore, uno spettacolo incredibile.
La seconda volta in Agosto, Etna stava sbuffando così invece di scendere con l’aereo a Catania siamo scesi a Palermo.
E poi via in macchina..
Ho passato una settimana bellissima fare sight-seeing in giro per Sicilia.

Forse conoscete la Pasta alla Norma, piatto tipico siciliano, anzi come leggo su Ricette di Sicilia.net:
La pasta alla Norma è la più famosa pasta con pomodoro e melanzane della cucina siciliana, e simbolo della città di Catania. Quando si parla di pasta alla Norma non si può non pensare al collegamento fra Vincenzo Bellini e il capoluogo siciliano ai piedi dell’Etna. Questo piatto prende il nome dall’omonima opera del famoso compositore catanese.
A tal proposito, si racconta che, molti anni fa, ad alcuni artisti che in quel periodo rappresentavano l’opera, fu servito questo semplice e sublime piatto di pasta col sugo e melanzane fritte. Lo stupore degli artisti fu talmente grande che alla fine del pasto esclamarono: “ma questa è Norma”! esprimendo così, la perfezione della pietanza. In sintesi, l’esclamazione degli artisti coincide con la venerazione che la città di Catania ha nei confronti di Bellini e la Norma. Per i catanesi questo binomio è simbolo di perfezione, di grande, di eccelso.
A questo piatto, conosciuto in ogni angolo dell’isola, proprio i catanesi diedero quel toco da grande chef: la spolverata finale di ricotta salata infornata.
Si usa condirla anche con caciocavallo o parmigiano, ma la ricotta salata, secondo me, è insostituibile.
Noi, alcune volte, apportiamo una variante, che non esclude alcun ingrediente della ricetta originale, ma che dà un’altra opportunità per apprezzare ancor di più il piatto. La modifica consiste nell’aggiungere alla pasta, ancora bollente, qualche cubetto di mozzarella per poi completare il condimento con salsa di pomodoro, melanzane fritte e ricotta salata.

Io non sono molto brava friggere così, cercavo un’idea diversa da fare con le melanzane.
Passo da Edda e trovo una ricetta che mi ispira moltissimo!
Gnocchi d’aubergines, au tomates frites et ricotta salée

Quindi per voi, le amiche Fragolive e per il mitico Abbecedario Culinario  della Trattoria MuVaRa:

Gnocchi alla Norma

Aubergine gnocchi - gnocchi di melanzane

Vi serve:

2 melanzane medie
ca 130 g di farina di grano duro (+ un po’ per lavorare gli gnocchi)
40 g di parmigiano grattuggiato
qualche foglia di basilico
2 spicchi d’aglio
5 pomodori lunghi da sugo tagliato a fette
un po’ di passata di pomodoro
olio d’oliva, sale, pepe e peperoncino

1. Cuocere le melanzane al forno tagliate nel senso del lungo ed inciderle a 180°C per una mezz’ora circa
2. Scavare la polpa cotta, trittarla con il coltello e soffriggerla con uno spicchio d’aglio e due cucchiai d’olio per qualche minuto (ritirare l’aglio) e aggiungere il basilico. Spegnere e far raffreddare.

3. Nel frattempo, preparare il sugo. Far soffrigere in una padella i pomodori con 4 cucchiai d’olio, la passata, il peperoncino e l’aglio per circa dieci minuti a fuoco medio.

4. Lavorare la polpa della melanzane con la farina, il parmigiano, fino ad ottenere un’impasto omogeneo. Infarinarlo

5. Formare gli gnocchi o con il sac à poche facendoli colare nell’acqua bollente e tagliando con le forbici o formando delle quenelles con cucchiaini umidi o con le mani, ma servirà più farina.

Scolare gli gnocchi due minuti dopo che siano tornati in superfice. Condirli con i pomodori ed un altro po’ di parmigiano reggiano.

Aubergine gnocchi - gnocchi di melanzane

Brigida_ate:
Io no ho pesato ne le melanzane ne la farina che ho usato.
Ho impastato ed aggiunto farina finché il composto mi era sembrato giusto. E’ un poì più appiccicoso che l’impasto di gnocchi fatto con le patate.
Mi sono divertita moltissimo usare la sac à poche e tagliare giù i gnocchetti nell’acqua bollente.
Sono piaciuti moltissimo!
Vabehe che Niki e Flo non fanno testo, ma Sofi che si mangia due piatti.
Ssssssss come Son soddisfazioni🙂

Aubergine gnocchi - gnocchi di melanzane

Questa ricetta va alle amiche Fragolive che ospitano la regione Sicilia-

One response to “Gnocchi alla Norma :-) (it)

  1. La Sicilia è sempre bella, ma secondo me in maggio–giugno è al suo massimo splendore. Questa tua ricetta me l’ha tanto ricordata🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s