Smacafam di grano saraceno o focaccia trentina con grano saraceno

Sono iscritta al CAI dal 2007, lo siamo tutte.
Ci sembrava una cosa giusta, scarpiniamo sui sentieri che
loro segnano, tengono pulito e mappano.

E poi ci fa piacere, anzi è un onore far parte di un gruppo amante della montagna come lo è CAI.Noi facciamo parte della sottosezione di Rivoli v.se – GEM     Gruppo Escursionistico Montebaldino
Per i miei 45 anni, mi hanno fatto la festa a sorpresa nella malga Casara Valfredda.

Il Cai fu fondato nel 1863. (se avete tempo leggete, è davvero interessante)

Sul nostro Monte Baldo abbiamo anche due dei primissimi rifugi costruiti, il primo: Rifugio Gaetano Barana nel 1897, una volta chiamato rif. Calzolari e Piona in onore di due famosi naturalisti Veneti.

Al Telegrafo ci andiamo spesso,  2 passi dalla Vallone Osanna  che è sempre bellissima.

vallone osanna sotto

E’ sempre un piacere andare trovare Franca e Francesco, la gestrice e suo figlio. Francesco come ci vede arrivare si mette le mani nei capelli, sa che lo stresseremo per le spille. Anzi, di solito ci fa venire dietro il banco cercare da sole, facciamo prima!      😀

rif. g. barana ex calzolari e piona

Qui nel giro Assenza-Telegrafo-Prada, con la variante del Forcelin. (la foto in basso a sx)assenza mix 3

Mi piace che GEM abbia la sede a Rivoli V.se, vicino alla casa di Francesco Calzolari, famoso farmacista (si chiamavano speziali all’epoca) di Verona, la sua collezione botanica e faunistica è stata l’inizio del Museo Civico di Scienze Naturali di Verona.

il secondo: Altissimo – Rif. Damiano Chiesa costruito nel 1891

rifugio damiano chiesa 2060mt

e dedicato ad un ad un eroe morto per il suo paese.

monumento

Qui nel giro Tredespin (i Tredici Pini o Tratto Spino)- Bocca di Navene -Creste di Navene – Altissimo di Nago – Torbole

rif. d chiesa - 2059mt

Qualche volta andiamo via con il gruppo del Gem, non spesso perché quando si muovono si muovono in tantissimi!🙂

grupppo

Nel 2008 abbiamo fatto una gita ai Laghi di Sopranes nel Parco Naturale del parco gruppo della Tessa. gruppo tesssa

Ci abbiamo messo tutto il giorno, fare i 15km di giro ma è stato bello, bellissimo..Ho conosciuto Piero Bresola, presidente del CAI Verona😀

piero2 ed io

Da su una magnifica vista sull’amata Val d’Adige

val d'adige val merano

I colori del paesaggio erano forti, incredibili.

due laghi

Abbiamo anche preso pioggia al passaggio del Valico a 2400mt, ma nessuno se ne curava..troppo presi goderci il paesaggio

gruppo in cima

Siamo scesi al rif. Oberkaseralm a 2131mt dove abbiamo mangiato!

😀

Oberkaseralm - Dorf.Tirol 2131mt

Oh non ci crederete ma siamo arrivati alla ricetta, una ricetta di cui non c’è una “vera” ricetta, Mario mi dice che sua mamma lo chiama anche “svuota frigo”.

Smacafaame o togli fame, di solito si fa con del pane avanzato ma io ho provato una versione che ho trovato sul libro La cucina Regionale Italiana per il Bimby!

Regalo graditissimo di Nilla, amica e mia rappresentante del Bimby.

Smacafam di grano saraceno

Smacafam of buckwheat flour

sotto c’è anche la versione vegetariana🙂

Smacafam of buckwheat flour

vi serve:

300 gr.di farina di farina saraceno
3 uova
100 gr.di speck
1/2 lt.di latte
2 lucaniche fresche
un pezzetto di porro
20 gr.di burro morbido
sale q.b.

Posizionare la farfalla e inserire nel boccale burro, 1 lucanica a pezzetti e lo speck tagliato a dadini: 5 min.100°C vel.2
Mettere da parte.
Senza lavare il boccale inserire latte, uova, farina e sale: 1 min. vel.4.
Aggiungere il soffritto: 30 sec.vel.2.
Versare il composto in una teglia grande e disporvi sopra la lucanica rimasta a fettine.
Cuocere in forno preriscaldato a 220°C per 40 min. circa affinchè la superficie risulti dorata.

Smacafam of buckwheat flour

Per la versione vegetariana:

mezzo porro
olio di oliva extravergine
grana
formaggio di malga (caciotta di San Zeno di Montagna, Caciotta di Tremosine o Casara della Lessinia p.es)

Se volete preparare tutte due le varianti fate così:
Nel boccale speck, 1 luganega, il pezzo di porro a pezzi e il burro: 5min 100° vel.2
Togliere e lavare il bimby: 800gr di acqua un goccio di detersivo per i piatti: 1min 100° vel,.4
Sciacquare abbondantemente.
Nel boccale pulito il porro ed il grana a pezzi: 10sec turbo
poi aggiungere poco olio e cuocere: 3min 80° vel 2
Togliere e mettere da parte.
Senza lavare il boccale inserire latte, uova, farina e sale: 1min vel. 4
Versare la metà in uno stampo unto di olio di oliva extravergine (se il vostro stampo ha la tendenza di far attaccare lo stesso, mettete la carta forno bagnato e strizzato)
Versate dentro il porro e il grana, mescolate e poi aggiungete il formaggio e mescolate.
Mettete nel forno in attesa dell’altro stampo.

Smacafam of buckwheat flour

Nel resto dell’impasto aggiungete lo speck e la luganega e mescolate:
30sec. vel.2
Versate in uno stampo unto o coperto di carta forno.
Aggiungete l’altra luganega a fette e qualche pezzo di formaggio sopra (facoltativo)

Infornate e cuocete i due stampi a 220° per ca 30-40min (dipende quanto sono grandi gli stampi)Servire tiepido….quella vegetariana anche fredda. Favolosissima anche fredda!

Ci sono piaciute moltissime, ed è vero..toglie la fame e riempie!
Vi basta due fette e una bella insalata e siete a posto!
:-))))

Con questa ricetta Trentino-Altoadesina partecipo all’Abbecedario Culinario d’Italia della Trattoria Muvara , ospitato da me.

B come Beide ist super Lecker!!🙂

7 responses to “Smacafam di grano saraceno o focaccia trentina con grano saraceno

  1. Sempre gradite le ricette svuota-frigo… quando poi sono appetitose come questa……….

  2. Buona Brii!!!

  3. Che meraviglia, post fantastico, smacafam compreso. Buon we, ciao.

  4. Sto per arrivare con un’altra ricettina🙂

    Sono post come questo che mi fanno venire una voglia pazzesca di mollare tutto e correre a vivere sulle Alpi… :*)
    Sarei ospite fissa delle tue escursioni, al punto che dovresti uscire di nascosto per evitarmi😀😀😀

    Scherzo dai…. o no? ^___________________________^
    Un bacione!

  5. ci fai conoscere sempre delle gran belle novità!!
    baciussss super =)

  6. Ecco come sfruttare la farina di grano saraceno rimasta dopo la torta🙂
    ottima!!!

    • Grazie!
      Sisi, prova sono rimasta piacevolmente sorpresa anch’io.
      Ma questo è il bello del nostro abbecedario..provare, tentare e riprovare!!
      baciuss

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s