B wie Bozner Herrngröstl für Das Kulinarische ABCbuch

Herzlich willkommen in Süd Tirol zusammen mit das Kulinarische ABCbuch, Trattoria Muvara und mich.
Ich bien Euche Gastgeberin über die nexte zwei Wochen.

Beh, ci stava o no? Una piccola introduzione in tedesco?
😀
Si, il nostro abbecedario culinario è arrivato in Alto Adige, o Süd Tirol.

Ospito io da oggi fino al 11 Marzo, se volete partecipare basta fare una ricetta Bolzanina o dell’Alto Adige e mettere il link nei commenti di questo post.
Vi aspetto, jaaaa? 🙂

Siamo a Bolzano o Bozen, piccolo centro all’inizio della Val D’Adige.
Avete presente?
Quando fate l’autostrada del Brennero dal confine fino a Bolzano, sono curve su curve, su curve.
Poi arrivi a Bozen Süd e si apreeeeee.
Schiacci l’acceleratore in fondo e voli giù, a me succede tutte le volte. Sorrido felice perché sono quasi a casa.
Dopo Rovereto ( uscita Lago di Garda Nord) comincio riconoscere i monti, le cime, le valli.
Dopo Ala/Avio è d’obbligo girare la testa a destra e guardare in su,
dopo un po’ girato Monte Cor, nel Vaio dell’Orsa, prima di Monte Cimo,
perché là in alto, che sembra sospeso nel nulla si trova la Madonna della Corona.
Qui dal Monte Cimo
Madonna della Corona
qui dal Fosse
(scusate se si capisce poco, erano le 6 della mattina ed ero un po’ stanca, siamo partiti da San Martino Buon Albergo
alle 18 la sera prima…vi dirò che sembrava un miraggio anche dal vero! :-DD)
madonna della corona da fosse

Ooops, mi sono persa? Non importa, faccio altri 10km ed esco ad Affi (uscita Lago di Garda Sud) faccio un giro nella rotonda, saluto il Moscal che ho di fronte e rientro in autostrada. Lo faccio volentieri, amo moltissimo la Val D’Adige.
(lo sapevate che ha nomi diversi a secondo dove sei?
Val Venosta tra la sorgente e Merano, Val d’Adige tra Merano e Rovereto, Vallagarina tra Rovereto e Verona, e quindi Val Padana tra Verona e la foce)

monte baldo -val d'adige

val d'adige

E mi immagino prima le varie glaciazioni che hanno modellato, spinto e formato il paesaggio spingendosi giù, giù fino alla Chiusa di Ceraino.
Donau, Günz, Mindel, Riss e Würm
ma anche la Via Claudia Augusta andare in su..

La via imperiale Claudia Augusta partiva dall’antico porto di Altino, che tra il I sec. a.C. ed il I sec. d.C. era una delle città più prospere e ricche dell’alto Adriatico, in quanto punto centrale delle rotte di navigazione tra l’Istria, Aquileia e Ravenna. La strada attraversava quindi il territorio della X Regio, costeggiando il corso del Piave, percorreva la Valsugana, oltrepassava Trento, seguendo la valle dell’Adige, poi Bolzano e Merano, varcando infine le Alpi al Passo Resia. Lungo quest’asse confluivano altre importanti strade che costituirono un complesso sistema viario in grado di collegare e mettere in comunicazione i vari centri del Nord Italia con i paesi d’oltralpe, unendo le genti, i popoli, gli usi e le tradizioni. La via Claudia Augusta incontrava, tra le altre, la via Annia, che univa Adria ad Aquileia, la via Popilia, che collegava Altino con Rimini, la via Aurelia, tra Padova e Feltre passando per Asolo, e la via Postumia, la strada consolare che da Genova arrivava direttamente ad Aquileia.

O la navigazione sull’Adige, la sorgente è vicino il paese di Resia a 1550mt e percorre 410km prima di sfociare a Chioggia (Isola verde) ecco una volta avrei potuto andare a Bolzano in barca!

ansa del fiume adige
Ma sono in macchina ed in autostrada (anche se vi consiglio se avete tempo, tanto tempo di fare la statale, è lunga, all’ombra ma WUNDERSHÖN!!

Esco a Bozen Süd 🙂

Bolzano, capoluogo dell’Alto Adige e rinomato centro commerciale e turistico, si trova nel nord dell’Italia, sulla direttrice Verona – Brennero (A22!), a 262 m. sul livello del mare.

Nell’epoca Romana (dal 15 a.C. fino all’incirca al 400 d.C.) l’area alpina centrale diventa prevalentemente percorso di transito verso il Nord. L’unico insediamento di grandi dimensioni finora noto per l’epoca romana in Alto Adige e cioè Sebatum/San Lorenzo, fu in origine una stazione stradale costituita da gruppi sparsi di edifici e di fattorie disposte lungo l’asse della strada.

Prima di (finalmente!!!) passare alla ricetta, volevo consigliarvi una visita al Ötzi²º , il museo aperto per il ventennale del ritrovamento dell’uomo di Similaun.
Ah, lo sapevate che le frecce in selce che gli hanno trovato addosso vengono dalla Lessinia…

OK, ok, la smetto!! 😀

Bozner Herrngröstl
ricetta trovato su Bolzano.net

Bozner Herrngröstl

Preparazione per 6 persone
1 cipolla di media grandezza
160 grammi di burro
600 grammi di fettine di vitello
1500 grammi di patate
2 foglie di alloro
maggiorana, sale, pepe
salsa d’arrosto* (mezzo bicchiere di vino rosso)
prezzemolo

Patate lesse e carne di manzo sono gli ingredienti principali di un gustoso piatto cucinato secondo un’antica ricetta bolzanina.

Tagliare finemente la cipolla e farla rosolare in 80 grammi di burro.
Aggiungere la carne tagliata a dadi e arrostire rapidamente.
Rosolare a loro volta le patate, bollite e sbucciate in precedenza, nel burro rimasto ed aggiungere il tutto alla carne.
Aromatizzare con foglie di alloro sminuzzate, maggiorana, sale e pepe e mescolare accuratamente.
Versare quindi il sugo d’arrosto e servire subito in un piatto preventivamente scaldato. Cospargere di prezzemolo tagliato finemente.

Bozner Herrngröstl

Brigida_ate:
*
Non avevo la salsa d’arrosto così ho aggiunto un mezzo bicchiere di vino rosso in cottura.

Sul sito consigliano un’insalata di cappucci. Io ho fatto una di radicchio e mele, il tutto ci stava bene con un po’ di kren casalingo
ma ottimo anche insieme alla confettura di cipolle rosse e cranberries.

B wie Buonizzzzzzimooo!

86 thoughts on “B wie Bozner Herrngröstl für Das Kulinarische ABCbuch

  1. Aiuolik

    B come Bravissima la nostra Briiiiiii!!!!!

    Bellssimo post, Bellissima ricetta, Bellissima presentazione…e l’aBBecedario continua!!!

    B come Besos!!!!

    Reply
  2. Cristina

    Wunderbar ! Complimenti Brii. Sto arrivando anch’io, se riesco a sciegliere una ricetta tra libri di cucina e vari siti web :-))

    Reply
  3. rosa maria

    Ciao Brii:) bella bella bella ‘sta ricetta!!! e bellissime le foto!!! Mi preparo diligentemente e posto nei prossimi giorni il mio contributo! Mi raccomando…spero ricambierai la visita in Molise….
    A presto e piacere di averti conosciuta
    Rosa Maria (quella di Torte e dintorni R.M.T.)

    Reply
    1. brii Post author

      Cara Rosa Maria benvenuta!!
      Certo che si che ci sarò!
      Non vedo l’ora arrivare nel Molise, voglio sapere tuuuuuutto su Molise!!
      Adesso faccio un salto e ti vengo a trovare!
      baciuss

      Reply
  4. speedy70

    Sììììììììì, adoro questa terra e la sua cucina, non posso mancare. . . a presto cara, e squisito il tuo piatto!!!!!

    Reply
  5. elena

    Ciao Brii, ma che presentazione splendida, hai esagerato!!! Questa è la regione che amo di più al mondo, quella delle mie vacanze, quella dei bei ricordi, ci andrei ad abitare anche subito!!! Complimenti per il post e confermo l’insediamento di S. Lorenzo è notevole, mi manca Otzi, ma se me lo consigli alla prima occasione vado….sto preparando già qualcosa da pubblicare, a presto!

    Reply
    1. brii Post author

      E’ bellissima siii, e con l’abbecedario ho avuto l’onore di essere la padrona di casa, ne sono proprio felice.
      La mostra è assolutamente da vedere, ma sono mostre che a me piaccciono moltissimo e non so faccio testo.
      :-DD
      Ti aspetto, Elena!
      baciusss

      Reply
  6. Simona

    Ich habe alles vergessen! Das ist nicht wahr: ich kann ein Bisschen mich erinnern. Sono gia’ in ritardo qui e non so niente della cucina di questa regione, canederli a parte. Devo studiare!

    Reply
    1. brii Post author

      hahaahah troppo forte!!
      Kein problem meine Liebe, Tu hast noch mahl eine andre Woche!!ù
      Ich warte für Dich!
      baciussss

      Reply
    1. brii Post author

      Ma Cindy è sicura di averlo postato qui?
      Di commenti non ne ho. Boh.
      Non importa, grazie di essere passata!!
      baciuss

      Reply
    1. brii Post author

      Jaaaaaaaaa, troppo buonissimi.
      Mi piace tantissimo come li avete servito.
      Troppo sfizioso!!
      Grazie Fragolive!
      baciusss

      Reply
  7. Pingback: Canederli di barbabietola rossa La Melagranata

    1. brii Post author

      hahaahaah
      come ti capisco!
      Ieri ho fatto una focaccia trentina..ho dovuto nascondere due pezzi per poter fare la foto oggi.
      Roba da matti!
      Ti aspetto!
      baciussss

      Reply
  8. Pingback: Pane di segale e germe di grano « Crumpets & co.

    1. brii Post author

      Quanto mi piace il gulasch!! Arrivooooo con la forchetta in manooooo!
      Grazie cara!!
      baciussss

      Reply
    1. brii Post author

      Grazieeee, già il pane era stragoloso, mi intriga da matti!
      Sono troppo contenta!
      baciusssss

      Reply
  9. astrofiammante

    Brii, togli la seconda ricetta perchè mi sono accorta che ha partecipato all’abbecedario precedente……mi piace giocare facile nehhh ^_____^ ma gioco pulito !!

    Reply
  10. Gata da Plar

    Brii, ho letto ora il commento di Astrofiammante e anche i miei canederli della Val d’Isarco sono nell’Abbecedario precedente… non so, vedi tu se toglierla quindi ok? per me va bene tutto 🙂
    Grazie bacioneeeeeeeeeeeeeee

    Reply
    1. brii Post author

      B come Brii eh si che le piace!!!
      😀
      Grazie Kris, bellissima ricetta ma troppo bella la storia.
      hahahahah
      baciusssss

      Reply
  11. elena

    Leggendo i commenti ho scoperto che forse valgono anche ricette già postate…fammi sapere, forse ho qualche altra ricetta interessante.
    Però non deve aver partecipato ad altri contest, vero?
    …grazie!

    Reply
    1. brii Post author

      Certo che vanno bene anche ricette vecchie, metti i logo e mandami tutto!
      Sei ancora in tempo!
      baciussss

      Reply
    1. brii Post author

      Rosa Maria, sono troppo contenta che ce l’abbia fatta
      (è giusto l’italiano? sto andando nel pallone del tutto! :-D)
      Grazie cara!
      baciusss

      Reply
    1. brii Post author

      MIaaaaaaaaaaaaaaaa!!
      :-DDD
      (scusate l’egoismo sfrenato, ma mi piace tantissimo!!)
      grazie grazie amiche Fragolive!!
      Baciusss

      Reply
    1. brii Post author

      Simona, lo sai che con me non sei mai in ritardo, io di sicuro arrivo dopo!
      E no ci sono ultime ruote, siete tutte ruote in prima fila!
      Grazie cara!
      baciusss

      Reply
    1. brii Post author

      Rosa Maria, che onore!
      Sono davvero felice che sei riuscita fare un’altra ricetta!
      Grazie, cara!
      Tutti appassionatamente nel Veneto!
      Baciusss

      Reply
    1. brii Post author

      Kri, grazie!
      Questa era la ricetta che avrei voluto preparare io.
      Sono proprio contenta che tu me l’abbia preparata!!!
      Baciusssss

      Reply
    1. brii Post author

      Avanti tutta!
      Sisi, Aldissima è stata avvertita!!
      Adesso le mando anche la pagina via mail.
      grazie di tutto
      baciusssss

      Reply
    1. brii Post author

      scusami hai ragione, le ho lasciate là a casa
      ho mandato una mail anch’io a Elo
      (povera tra te e me…:-DDDDD)
      baciussss

      Reply
  12. Pingback: L’abbecedario culinario: Trentino Alto Adige | la Gigadea

  13. Pingback: Torta di grano saraceno – Buckwheat cake « Crumpets & co.

  14. Pingback: C come chioggia e……. peoci e patate a la ciosota

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s