carrè di agnello al miele e salvia

agnello alla salvia e miele1

vi siete soffermati guardare la stanza dei vostri figli?
non dico con occhio criticissimo alla mamy,

che va in ebollizione come mette piede dentro
non dico come la mamy che magari impazzisce perchè ha trovato il phon, la spazzola e TUUUUUTTI suoi trucchi nella camera
non dico come la mamy che minaccia che butta fuori tutto se entro 3 secondi non è tutto in ordine…
no..dico obiettivamente…con occhi da ragazzi, imparziali, curiosi
non mi ero mai veramente soffermata guardare la camera della mie due figlie..
ma, la settimana scorsa quando sono stata male con febbre e dolori alle ossa,
ho avuto tanto tempo osservare quella camera.
mi facevano trasferire i pomeriggi sul letto della sofi, perchè in camera nostra
la luce, il sole ed il caldo si riversa dentro dalle finestre grandi senza scuri e senza tende pesanti..
io dipendo dalla luce…mi piace svegliarmi con le prime della mattina e mi piace vederla svanire la sera..
adoro essere svegliata dalla luna, che inonda la stanza con la sua luce, brilla sul lago e fa sembrare tutto d’argento..
ma la febbre ed i dolori mi ferivano gli occhi e così mi trasferivo dalle ragazze.
è una sensazione stranissima stare a casa, a letto di giorno..credo che voi come me non siete affatto abituati.
il silenzio è quasi totale…qualche rumorino nelle mura, il vento che muove qualche foglio, il canto dei grilli che è quasi assordante….
il mercoledì non avevo più febbre, non avevo più dolori…ma ero fiappissima..così sono rimasta osservare questa stanza…
di fronte..la libreria…
quella che mi ha fatto strillare pià volte di essere messo in ordine!
quella che sembra che adesso crolla sotto il proprio peso da quanta roba c’è sopra!
quella che regolarmente viene trascinata in giro per la stanza quando alle ragazze parte un idea nuova come risistemare la camera!
si quella!!!
e sono rimasta colpita.
ho trovato foto, vecchi quaderni, libri usati di scuola, dizionari, aggeggi strani, regali..e tantissimi dei miei libri.
non me l’aspettavo..
le mie due ribelli, che fanno fronte insieme se attacchi una della due.. le mie due ribelli, che hanno sottolineato più volte che hanno gusti diversissimi dai miei
le mie due ribelli, che mi spiazzano con il loro sapere, la loro cultura e la loro ortografia!
:))))
ho trovato i libri di King, i due di Hoeg, amabili resti della Sebold, le madre e le figlie di Gaffney, Jim Thompson – l’assasino che c’è in me, tutte i libri di Carol O’Connell, i fratelli cuordileone di Astri Lindgren, i libri di C.S. Lewis….manfredi perfino Jane Heller – grazie per il ballo! :)))))
in effetti quando dovevo mandare il libro a elga per il bookcrossing..mi ero meravigliata che non trovavo alcuni libri..ma pensavo che ero io la solita disordinata! :))))
alla faccia del…”siamo diversissime da te, mamy”
ecco la libreria “incriminata” :)))
kids liberary

mentre ero a letto con la febbre, il mio gruppo nordic ha fatto l’anniversario
del Vallone Osanna – Telegrafo.
come mi è dispiaciuto non esserci :(((
ma…mi sono fatta dare tuutte le foto..e chiudendo gli occhi..mi era sembrato(quasi) di essere stata là con loro.

qui il rifugio telegrafo visto dalla croce, è un pò incassato tra le punte del Monte Baldo.
lo si vede molto bene quando si è in mezzo al lago di fronte a Castelletto.
rif telegrafo1
qui gruppo all’arrivo al rifugio a 2200mt.
monica,simo,laura, carla, rossanna
sotto luciana, piero e dani.
gruppo al telegrafo
hanno visto dei camosci….mi sembra quasi in posa :))

camoscio

domenica sera c’era la notturna di Luglio…anche quella ho perso.
sono arrivati i miei genitori, e non mi è sembrato il caso sparire subito così–
qualche volta bisogna sapere rinuciare! :))
che fatica peròòòòò! :)))

visto che stava arrivando mia mamma, ho svuotato frighi e freezer.
in freezer ho trovato un carrè di agnello…
avevo in mente la ricetta intrigante di alex…ho pensato..
lo faccio anch’io!
aaaaaaaaaah…la lavanda!!! c’è l’ho! ;)))
ma, sono fondamentalmente una pigrona e non avevo voglia andare in fondo al giardino (che vergognaaaaaaaaa!), così ho usato la salvia…che cresce più vicino!
mi era sembrato di ricordare che alex avesse usato il miele…invece no…
quandi…alla fine…cosa hanno in comune le due ricette?
l’agnello!!!! :)))))

agnello alla salvia e miele2

carrè di agnello al miele e salvia
un carrè di agnello da ca 700gr

per la marinatura
olio di oliva extravergine (non tanto, l’agnello è grasso di suo)
vino rosso
aceto di mele
un bel cucchiaio di miele
un cucchiaino di oyster sauce (o soya)
qualche foglia di origano, maggiorana e salvia tritata
foglie di salvia intere da infilare tra un costola e l’altra

mischiate ed emulsionate gli ingredienti per la marinatura.
pennellate la carne sopra e sotto e versaci sopra il rimanente marinatura.
eventualmente pennellate un pochino di miele extra sopra, fa una crosticcina molto buona.

lasciate marinare in frigo per un paio di ore, anche mezza giornata.
se avete fretta, lasciate marinare a temperatura ambiente.

cuocete in forno per 1 ora e 20min ca.
un ora a 150°
i restante 20min sotto il grill a 250°

brigidaa_te:
venerdì marta mi ha portato a mantova!


anche noi al
festival delle passioni
ci siamo perse enrico e beatrice preparare l’insalata 21 31 41
ma l’abbiamo assaggiata!
davvero speciale…
e così..ci siamo portate a casa il trofeo! il contenitore dell’insalata! :))
con l’occasione abbiamo fatto un bel incontro…
trall la trall la
abbiamo conosciuto alessandra e virgi!!
sono molto aaaavanti….prima che raggiunga loro livello..ghe ne vol..come dicono qui,,
ma non importa…
mi sono piaciute tantissimo!!!
da loro trovate i post dei fusion che sono stati fatti durante il festival.
l’anno prossimo ci organizziamo meglio…e ci torniamoooooo!

contenitore enrico e beatrice

7 responses to “carrè di agnello al miele e salvia

  1. Ciao! ci dispiace tu sia stata male..ma è un periodo difficile per molti…in questo senso!che bello questo guardo introspettivo sulla cameretta…certo, molte sono le cose che rimangono nascoste ai genitori…e non sempre son brutte…anzi…Bellissimo il camoscio!!!Buono il carrè di agnello! dolce e delicato.un bacione

  2. Quella libreria mi ricorda qualcosa….mi pare di vedere la libreria di casa mia, e quella su cui tengo le tazze, i tè e le teiere, che è un caos infernale! Ma a noi la casa piace così: vissuta, piena di ricordi, allegra…una casa dove non ci si annoia, che non sia asettica ed impersonale come certe case che, se ci entri, non sai riconoscere di chi siano…la nostra si riconosce che è nostra…eccome! Il carré è specialissimo, e credo che lo farò a breve: un bacione grande grande! 😀

  3. mi madre ha rinunciato molto presto a capire l'ordine del mio disordine…;Dl'agnello è strepitoso, penso che caramellarlo con il miele e la salvia sia stata un idea genialeUn bacionefra

  4. Quella foto là in alto mi ha fatto venir fame anche se ho appena finito di pranzare!!!

  5. ma che aspetto meraviglioso che ha questo carre'!!!

  6. Molto particolare questa ricetta..e che splendide foto…mi fai sentire ''fresco''.ciao.

  7. è arrivata mamma..quindi tu..fuori dalla cucina per il tempo che rimane…e allora dato che non cucini…. riordina i libri ^______^ a Mantova ci ritorniamo per mangiarci il gelato da Grom!!! baciuzzzzzz

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s