natten går tunga fjät…

Natten går tunga fjät
runt gård och stuva.
Kring jord som sol´n förlät, skuggorna ruva.
//:Då i vårt mörka hus stiger med tända ljus
Sancta Lucia, Sancta Lucia://
Natten är stor och stum.
Nu hör det svingar i alla tysta rum sus som av vingar
.//:Se, på vår tröskel står vitklädd, med ljus i hår
Sancta Lucia, Sancta Lucia://
Mörkret skall flykta snart ur jordens dalar.
Så hon ett underbart ord till oss talar.
//:Dagen skall åter nystiga ur rosig sky.
Sancta Lucia, Sancta Lucia.://

Text: Arvid Rosén (1928)
Musik: Teodoro Cottrau
la notte con passo pesante
intorno case e stalle
intorno ad un mondo che
nell’ombra aspetta la luce
ecco che nella nostra buia casa
portando la luce
santa lucia santa lucia
la notte è grande e vuoto
in tutte le stanze silenziose
si sente il fruscio come di ali
guarda, sulla nostra soglia vestita di bianci
con la luce nei cappelli
santa lucia, santa lucia
il buio presto se ne andrà, dai monti dalle valli
e lei ci dice le parole meravigliose
che il giorno tornerà con l’alba luminosa
santa lucia santa lucia
non sono la prima scrivere di Santa Lucia…
andrenalina ha raccontato tutto nel suo post l’anno scorso
anche orchidea ne parla l’anno scorso
tutte due mettono la ricetta dei Lussekatter
che si assomigliano ma non del tutto
da piccola era un’evento…già settimane prima c’era un fermento nell’aria…
si faceva una specie di garetta di miss santa Lucia, e quella più votata vinceva
le altre facevo tärnor…stelline….
mai fatto santa Lucia…:)))
sempre stellina….
ma era bellissimo…l’asilo, le scuole…tutto era immerso nel buio…
e poi da lontano si sentiva il canto, le luci fioche che danzavano sulle pareti.
mi piaceva tantissimo…tutti bambini e ragazzi seduti per terra e noi arrivavamo in mezzo,
le tärnor con la luce in una mano e mano nella mano con l’altra
e lei, santa lucia con la corona luminosa in testa e le mani giunte.
era un momento speciale, magico…
poi..si accendevano le luci e si mangiavano i lussekattor e si beveva il tè
( il glögg arrivava con l’età..:)))) )
qui non ho mai festeggiato santa Lucia, ne come lo facevo da piccola,
ne come tradizione Veneta.
abbiamo tenuto la tradizione del Nicolaus il 6 dicembre,
che porta un piccolo pensiero.
la ricetta dei lussekatter che ho scelto, (e vi dico che c’è ne sono tantissimi!)
è del sito www.recept.se, cosa ha di speciale?
il cardomon!! adoro il cardomon!!🙂

vi serve:
900gr di farina 00
500gr di latte
200gr di burro
200gr di zucchero*
10gr di lievito fresco**
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di ammoniaca***
3 cucchiaini di cardomono in polvere
1 bustina di zafferano
1 tuorlo per spennellare
uvetta per decorare

riscaldare il latte e far sciogliere il burro. (non fate superare i 37°)
agguingere il lievito e lo zucchero, mescolare finchè siano sciolti.
mescolare la farina con il bicarbonato, lo zafferano, l’ammoniaca ed il sale.
aggiungere il cardomono in polvere.
versare il liquido nella miscela di farina e lavorare l’impasto energicamente.
se usare l’impastatrice usate una media velocità.
lasciate lieviatare al fresco per tutta la notte.****
la mattina dopo lasciate a temperatura ambiente per 1 ora e poi rilavorate l’impasto.
tagliate a pezzi e poi arrotolate ogni pezzo, formando un rotolino che inziate arrotolare dai due estremi uno nel senso contrario dell’altro e formate delle (specie di) s.
è un impasto molto elastico un pò duro, tiratelo, giratelo, si piega e si tira come volete.
questa è la tipica forma del lussekatter, che in svedese significa gatti di Lucia.
nel ricciolo mettete un’uvetta e lasciate lievitare fino a raddoppio.
spennellate con il tuorlo ed infornate a 225° per 10-15min dipende dalla grandezza.
servite con tè, tè con rum o glögg (glögg analcolico)
brigidaa_te:
*
ne ho messo 100gr, se vi piace più dolce mettete tutto.
**
nella ricetta c’era scritto 50gr, ma loro hanno sempre fretta,
se proprio proprio mettene 25gr e fare lievitare di meno.
***
l’ammoniaca puzza terribilmente, quindi non cedete alla tentazione di assaggiare l’impasto crudo..fa schifo!! mentre cuoce puzza di nuovo…ma poi…
sparisce odore e gusto….e torna il profumo di zafferano e cardomono…
mmmmmmm
****
o in frigo o in un posto come l’entrata p,.es.
coperto da pellicola o un canovaccio umido.
potete anche lasciare lievitare fuori, ma solo se
la temperatura esterna non scende sotto 5°C.

buona santa lucia a tutti

20 responses to “natten går tunga fjät…

  1. avevo visto da qualche parte questi biscotti di santa lucia…che belli che sono…un bacioAnnamaria

  2. buon giornoo, annamaria e buona santa lucia.si si…infatti prima di postare ho fatto un giro nella bloggosfera e ho messo i link delle altre ricette.cos si può leggere, scegliere e fare.grazie, non mi ricordavo più come si facevano..per fortuna più o meno…sono venuti bene!un fortissimo abbraccio cara!bacius

  3. Che bella la tua tradizione di Santa Lucia…dalle nostre parti non viene fatto nulla di particolare!!Buonissima questa ricetta: speziati e gustosi!bacioni

  4. che meraviglia Bri….sono belli ma ancor apiù bello il tuo racconto…il tuo ricordo ti abbraccio

  5. Tu sei la donna dalle mille e una risorse… Dove trovi l’ammoniaca da dolci, che , se non sbaglio, serve anche per fare i brezeln? Ciao

  6. Auguri, auguri, auguri….di una felice S.Lucia……L’altra mia nonna, morta 9 anni fa, si chiamava Lucia…oggi era il suo onomastico e compleanno!In questo giorno la ricordo sempre con tanto affetto!Un bacio grande P.s: che favola questi dolcetti per me impronunciabili!

  7. Brii, neanche sa noi si festeggia S. Lucia.. Ma i dolxetti mi piaccionon lo stesso! Sicuramente le farò per le feste!Un abbraccio!

  8. Ma sai che mi sono chiesta se voi, famiglia con tante tradizioni, le festeggiate tutte? Anche a casa nostra si è imposto il Nikolaus (e la Befana portava solo il carbone).Questi dolcini al cardamomo però potrei farli diventare tradizione a casa mia!! Anche io adoro questa spezia.Un abbraccio, stellinaAlex

  9. Sono bellissime le tradizioni legate al culto di Santa Lucia: da noi si prepara il grano cotto, dolcificato con il vinocotto che tra l’altro potrebbe andar bene anche con i tuoi dolcetti al cardamomo.Ciao

  10. mmmmmh, che delizia Bri. Io non li ho mai assaggiati! Mi piace un sacco la tradizione nordica di Santa Lucia, le coroncine di candele, le luci… e tutti quei pallini sulle A!Ti abbraccio fortissimissimo!

  11. Complimentissimi!!!!!!!!Un bacione e buona domenica!!!!!!

  12. Grazie Brii per la riceta…. anche un po tarde.. “buon santa Lucia”….baciHilda

  13. Brava Bri,anche se mi sembra complicata….Cmq ho appena comprato il cardamomo e devo solo decidere come usarlo… :-))BAcioneCastagna

  14. ma daiiiii….ti ci vedo con le lucette in testa a cantare per le strade…..non avrai bruciacchiato qualcuno per farti posto in prima fila ;-))))) questi sono biscotti o focaccine? in ogni caso mi piacerebbero un sacco ….con il tè che ho nella scatola, starebbero benissimo, ciaoooo e baciuzzzzzzz

  15. Verkligen fina lussekatter du bakat. Får kika närmare på receptet. Jag bakade med yoghurt i. Med gott och saftigt resultat.Ha en fin tredje advent:)

  16. Anche io fatto la marmellata di cachi poco tempo fa!! =)Ma che belli questi dolcetti..me li segno ;)Un bacione e buona settimana bri

  17. Sono bellissimi, davvero, i più belli che ho visto in giro!

  18. buona seraaaa amiciiiii!!vi ringrazio tutti!!e vi invito provare questi lussekatter, http://www.peccatidigolaediamicizia.com/viewtopic.php?f=214&t=5138&start=0&st=0&sk=t&sd=ae ringrazio mimmi per averle messehttp://mimmismat.wordpress.com/sono molto più semplici e vengono addirittura più morbidi.fateli ciccioni…restano morbidi a lungo. :)))@manu& silvia…questa tradizione è bellissima..sopratutto in un paese dove il buio regna per così tanti mesi.@loryyyyy…mi piace ricordare, mi piace raccontare..:-**@aldarita..avevo preso la scatola grande da 1kg alla metro. ma non conviene…ne va pochissimo e una volta aperta la scatola puzza da morire.mi sembra che da de beni ci siano le bustine di f.lli rebecchi.puzzano moooolto meno.fai la seconda ricetta alda, sono molto più semplici.@simoooo…sei stata fortunata avere avuto le tue nonne così a lungo. sono felice per te…ed è bello che ti ricordi e le pensi. sai che quando gokkina faceva i controlli per la vista..siamo sempre andati il 13 dicembre far la visita..santa lucia è la prottetrice degli occhi, e ci sembrava carino andare trovare la dottoressa proprio il 13.@rossa, sai che pensavo che in russia si festeggiasse? che strano..quante cose che si imparano nella bloggosfera!@alex…i primi anni abbiamo provato..6, 13,24,25,6gennaio..ma non si può diventa troppo. :)))abbiamo deciso di festeggiare solo 6 e 24. santa lucia porta solo la colazione. :)))ogni tanto tiro fuori il barattolo del cardomo e respiro profondamente…mi piace tantissimo! :-**@lenny…ho visto le ricette e mi interessano tanto.li voglio provare! credo anch'io che ci stanno insieme.@criiiii…dopo il corso di pasticceria…ci troviamo e assaggiamo TUTTO anche questi! :))))e poi andiamo all'ikea e ti dico tutttttttteeeee quelle parole con i pallini!! :)))abbracci stritolosi!@morettina…grazie tesoro..buonissima settimana a te!@hilda…non ti preoccupare…io sono sempreeeee in ritardograzie cara.@castagna, vedrai ti piacerà..si si..ne sono sicura! :))))@martaaa…non ho bruciacchiato nessuno! :)))))))sono come delle focaccine, morbide.ma li mangiamo…insieme al tuo tè!! :))))@mimmi…ditt recept är mycket bättre! jogurten gör dem verkligen saftiga och mjuka. jag kommer över till dig och skriver det.alla måste pröva ditt recept!! :)))@slivietta..davvero..allora passo vedere la tua ricetta. monica me ne vuole dare ancora!buonissima settimana anche a te cara.@elguccia…grazie! detto da te…vado in brodo di giuggiole..mi gaso tutta!ma dimmi che raccolta ti sei inventata?bellissima!! :)))))))ci divertiremo leggere….amiciiiiii…vi auguro uno splendido mercoledì sera.io sono cottissima ma feliceeeee…oggi giornata magnifica..quasi troppo caldo…là su sulla neve!vi abbraccio tutti!!!baciusss

  19. Che bello quanto racconti della festa di Santa Lucia! Penso io non sarei arrivata nemmeno a stellina, che è bello pure, no?😉 Tärnor è un personaggio?La tua ricetta mi piace molto perché hai ridotto il lievito😀 e perché hai usato l’ammoniaca. La proverò. Grazie milla e un bacio,Marcela

  20. @marcela…ma tu scrivi benissimo in italiano!!tärna vuol dire “damigella”…quando sta dietro la sposa si chiama brudtärna..in questo caso..sarebbe come stelline..quelle damigelle che seguono santa lucia.siii…si puö fare benissimo con poco lievito..basta lasciare lievitare di più.l’ammonica si usa di solito nei biscotii, per rendere croccanti.qui non ho ben capito perchè ci andava, ma si può fare a meno.un bacio a te e grazie di essere passata.:)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s