farinata d’avena con scalogno reale

aaaaaaaaaaaaaah…ecco sul lago piiù bello d’Italia è arrivato l’inverno!!

venerdì è arrivato un gran vento..non era freddo..ma molto molto potente..tra le altre cose che ha portato via con se..è stata la nostra linea telefonica. :))))
vedo che intanto avete postato tantissimooooooo!!!! :)))))))

venerdì non ho combinato gran che..ho fatto la pigrona…girando, ciacolando, chattando e bevendo il caffè.
tra i tanti giri sono anche andata al molino..il molino di Caprino (v.se) dove mi fornisco di farina da qualche anno.
loro sono lì dal 1937(?)…io li ho scoperti nel 2006…:))))
quando due mie amiche mi hanno regalato 17kg di farine diverse!!
un regalo di compleanno alternativo…apprezzatissimo!!
ormai siamo diventati amici…anna e mauri, e loro nipote lollo
ogni tanto porto qualche marmellata che faccio…mi piace sentire il parere
soprattuto di mauri, che gira per tantissime sagre, tantissimi manifestazione..ha sempre qualche novità da raccontarmi…qualche cosa da farmi provare.
venerdì mi ha dato da provare e piantare lo scalogno reale.*

mi piace chiacchierare con anna che ha una profonda conoscenza delle farine ed il loro utilizzo..tantissime volte richiedo le stesse cose..perché mi piace come mi racconta, com spiega come insegna.
lei è anche una grandissima amante del monte baldo…prima di me…più di me..
ci raccontiamo i giri che facciamo, i sentieri percorsi, le cose viste e sentite.
lei e mauri sono una fonte inesauribile di racconti e storie di vita vissuta.
è bellissimo ascoltarli

.mi piacciono da matti le ricette di lollo…
ogni tanto viene giù con qualche prelibatezza che ha infornato e fa assaggiare a tutti e non è mai geloso della ricetta.
è stato carinissimo l’inverno scorso che è andata in Norvegia..gli ho chiesto di cercarmi un libro..terminologia culinaria in scandinavo, e lui ha passato 4 librerie in vano tentativo di trovarlo. trascinando dietro gli amici..che non erano venuti in Norvegia per girare librerie! hihi

quando vado al molino..ci sto tantissimo..chiacchierando con tutti…clienti compresi!!
successo ancora che qualcuna è venuta per prendere la farina per la polenta ed uscita con semola, Manitoba ed altro. :)))
si scambiano ricette, scritte su pezzi di carta, scontrini..
la penna passa da mano in mano..e si ride e si pregusta le ricette da provare.

questa è una ricetta di lollo.
per 1 persona
100gr di farina di avena

un pezzo di porro
1 scalogno reale*
olio extravergine di oliva
30gr di vino bianco secco
parmigiano grattugiato
acqua tiepida q.b
sale e pepe

tostare l’avena in una padellina senza grassi.
non si deve colorare troppo, deve solo intensificare il profumo.
in una pentola far appassire il porro a rondelle e lo scalogno tritato in filo d’olio.
sfumare con il vino.
quando è ben appassito, aggiungere la farina d’avena far insaporire mescolando.
coprire con acqua tiepida (ca 2 dita sopra)cuocere su fiamma bassa sempre mescolando per 15min.regolare di sale se lo mettete, e pepe
servire con parmigiano grattugiato.

è delizioso!!!
è di un sapore delicato,leggermente amaro e lo scalogno si sente molto bene, ha un gusto più forte dello scalogno “normale”.
lollo consiglia anche di aggiungere un pochino di curry, ma non l’ho fatto perché, la prima volta volevo sentire il gusto dell’avena.
da rifare assolutamente!!grazie lollo!!🙂

brigidaa_te:

* lo scalogno reale…
mauri è andata alla fiera del REgustibus
da un agricoltore ha ricevuto un sacchetto di scalogno reale.
questo scalogno è diverso del solito che troviamo…come vedete le foglie esterne sono mendo dorate,
il gusto è leggermente più forte.
mauri mi ha detto che questo scalogno veniva coltivato solo in un paesino in Francia…
faceva parte del equipaggiamento dei soldati di Napoleone, loro lo portavano in tasca..
serviva come collutorio, ed era un potente antinfiammatorio.

8 responses to “farinata d’avena con scalogno reale

  1. Davvero particolare e da provare questa ricetta!La farina d’avena non l’abbiamo mai provata…questa ricetta ci sembra un buon inizio…non si sa mai!!bacioni

  2. Brii, leggerti mette il buonumore!Sei forte!Bacione!

  3. ciao, bentrovata. Hai sempre ricette particolari e adatte alla stagione in corso… Anch’io vado al mulino Bertolini, ed è proprio come dici tu, ti sembra di essere a casa. Magari qualche volta ci troviamo lì… A presto

  4. buon giornoooo…qui sul lago più d'italia…c'è freddo ma sereno. oggi sarà una splendida giornata!!!@manu&silvia…è davvero buona, anche se ha un aspetto un pò lugubre..molto delicato e profumato.@simoooo…grazie cara…guardo fuori dalla finestra e mi si apre il cuore. questo posto è bellissimo!@aldarita…dai che la prossima ci mettiamo d'accordo e andiamo insieme. vuoi? mi piacerebbe tanto!!ragazze…vi auguro una bellissima giornatabaciussss

  5. Chissà che bello andare al mulino e chiaccierare sulle varie farine! Interessantissima ricetta. Devo vedere se qui al mulino trovo la farina d’avena.Un abbraccioneAlex

  6. buon giornooo alex.spero di si…secondo me ti piacerebbe…ha un gusto molto particolare.voglio provare insieme con qualche erba aromatica.mi intriga.tutto bene?baciusss

  7. Non conoscevo questo tipo di scalogno, chissà quanto è profumato. Ciaooo Brii, come vedi sono riuscita a venire a trovarti! Ti abbraccio! Ciaooooo!

  8. carissima che piacere leggerti!!!volevo piantare uno o due di scalogni..ma con questo freddo mi sa che li mangio!!un abbraccio cara

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s