Category Archives: brunch

Runas Salāti (it)

Il giorno dopo Jūrmala abbiamo puntato nella direzione opposta

visitando Sigulda, Āraiši e Cēsis.

Siamo andati prima a Āraiši, dove si trova un piccolo sito archeologico.

C’è sito dell’età della pietra, uno medievale (IX – X secolo) ed un castello del 1200. Tutto intorno il piccolo ghiacciato lago di Āraiši

Non pensavamo di trovare aperto, insomma chi vuoi che ci vada in febbraio??

Eppure c’era una signora nella cassetta e abbiamo volentieri pagati i 5eu a persona. Troppo carino il sito.

Latvija 7/10 fe 2014 (Sigulda, Ārīsi, Cēsis)

P1270676

Āriši prehistorical site

P1270653

Ho perfino provato camminare sul ghiaccio..lo fanno tutti!!
C’è sempre qualcuno che sta seduto in mezzo al ghiaccio pescare.
Latvija 7-10 feb 2014 (Jūrmala)

Una paura vi dico! :))))

P1270698

C’era anche da visitare un vecchio mulino a vento, era situato su una collina qualche chilometro più su.

P1270656

Come il giorno prima, ho detto a Flo tu vai avanti in macchina che io arrivo a piedi. Lui è partito ed io sono andata a piedi.

C’era un cartello che diceva 1km e poi il mulino si vedeva stagliarsi all’orizzonte.

La salita era ripida, il vento gelido e non c’era nessuno, nessuno in giro. Ero completamente da sola.

Ho avuto un’attimo di esitazione quando sono arrivata ad un bivio, di cartelli neanche l’ombra e ovviamente nessuno in giro per chiedere.

Ma se il mulino prima era sulla collina alla mia destra, mi era sembrato logico girare a destra.

Il cartello l’ho trovato poi..adagiato per terra… Utile mi dicono!!! :D

I campi intorno marroni nella luce fredda di febbraio, ma il bosco ghiacciato di betulle era bellissimo.

View from Āriši

Respiravo a pieni polmoni, facevo foto inutili (si perché a me sembrava tutto bellissimo, ma poi rivedendoli erano tutti uguali marrongrigi!) ed ero semplicemente felice.

P1270702

P1270654

Arrivata su in collina, ho visto il mulino in fondo alla strada sterrata. Era tutto chiuso ma era bello lo stesso.

C’era anche una vecchia quercia lì vicino, che si dice che Gustavo II abbia piantato quando era passato di lì, ma dalle nozioni che abbiamo trovato non si capiva esattamente dove fosse, così siamo andati avanti.

Verso Cēsis. Qui c’è un castello livionano molto molto carino. Come arrivi ti danno una lanterna.

Boh, dici…ma sììì è per vederci quando vai su nella torre.

Ridendo, spingendo, stringendo siamo arrivati in cima.

Dentro un buio buissimo, non vedi niente. Se incontri qualcuno sulla scala (strettissima) a chiocciola devi fare retro finché trovi uno spazio grande abbastanza per far passare.

Sinceramente non so come abbia fatto Flo..ciccione come è! :D

Ma io (e anche i bambini che abbiamo trovato) continuavo a ridere. Mi sono divertita un sacco.

Usciti si gira intorno e volendo (ma solo volendo, e se soffrite solo minimamente di claustrofobia NON ci andate) ci si può calare nella cella sotteranea.

Ah, è debolmente illuminata ma accidenti se fa impressione!!! Ti sembra che ti manchi l’aria..è tutta chiusa, il passaggio per scendere (scala a pioli in ferro sgangherata) strettissimo. Flo è rimasto su..se ci provava mi sa che restava incastrato.

Non vedevo l’ora uscire nell’aria gelida.

Questo l’ho spiegare ad un russo ciccione che voleva a tutti costi infilarsi. No, no parlo russo..ho fatto segno alla sua panciona che non ci sarebbe stato nel buco. Mi ha creduto! :D

Questo castello è anche famoso perché qui è stata issata la bandiera Lettone per la prima volta nel 1988, prima che i sovietici se ne andassero definitivamente.

Il parco sotto il castello ha un piccolo laghetto che si riempie di ninfee in estate, tutto intorno tavoli e panchine. Ci sono spettacoli teatrali e serate danzanti.

Ma in febbraio il laghetto è ghiacciato, il castello freddo e silenzioso ed il resto di Cēsis semi deserta.

Abbiamo finito il nostro tour a Sigulda. Città situato nel Parco Nazionale di Gauja

http://www.gnp.gov.lv

Qui si può fare un bellissimo giro a piedi visitando 3 castelli diversi, (noi abbiamo visitato solo il primo, quello medievale).

Tra il secondo ed il terzo si prende una vecchissima cabinovia che funziona ancora, non si sa come, ( e poi ci hanno fatto chiudere la seggiovia di Prada! :D) che piano piano ti porta dall’altra parte della valle di Gauja.

Noi abbiamo fatto andata e ritorno al volo. Erano ormai le 17 e dopo non c’erano corse per tornare.

Così ci siamo infilati nel primo konditoreja che abbiamo trovato e ci siamo fatti un caffè black balzams ed una (mega) fetta di torta prima di rientrare a Rīga. Avrei voluto vedere il tramonto nel golfo di Riga da Salacgrīva (paese litorale quasi al confine con Estonia) ma era ormai troppo tardi.

Sigh. La mattina dopo siamo rientrati in Italia. 4 giorni sono pochissimi, ma sono infinitamente contenta di esserci andata.

Ho visto, sentito e imparato un sacco di cose.

Grazie ancora Aiù per avermi “dato” Lettonia!

:)

Chiudo con il primo piatto assaggiato a Riga. Mi (ci) ha totalmente, completamente conquistati.

E’ un piatto più estivo, va servito freddissimo e con i 2° fuori ci siamo mezzi congelati.

Runas Salāti

Ho provato rifarlo a casa.

la foto fa paura ma vi assicuro che è buonissimo!

runas salāti

Vi serve.

Se siete in Lettonia andate al primo Rimi (aperto Lun-Dom dalle 8-23) e vi comprate i seguenti ingredienti.

Arringhe sottolio

Rape rosse in agrodolce

Kefir

Aneto

Patate

Cipolotto

Uova

Invece se abitate qui, tipo a Bardolino inventate!

:)

Arringhe in scatola

Rape rosse sottovuoto

yogurt bianco magrissimo

patate

uova

cipolotto fresco

erba cipollina fresca (appena appena cresciuta!)

kren in vasetto

senape media

aceto

olio di oliva extravergine

Cuocete le patate con la buccia la sera prima. Lasciatele raffreddare (scolate) tutta la notte.

Si tagliano meglio da fredde.

Sbucciatele e tagliatele a rondelle sottilissime.

Fate la stessa cosa con le rape rosse, poi le mettete in una ciotola e condite con aceto ed olio.

Lasciare marinare qualche ora (meglio dal giorno prima)

In un’altra ciotola versate lo yoghurt, tritate il cipolotto ed aggiungetelo, poi kren, senape e un goccio di aceto di mele (o bianco).

Aggiungete l’arringa tolta dalla sua scatola (se è messa in qualche salsa non agrodolce, sciacquatela) e poi sbriciolate nella ciotola.

Mescolate ed assaggiate. Regolate di senape, aceto e kren. Deve beccare ma non troppo (o anche troppo se piace :D)

Cuocete l’uovo e fate raffreddare, tritate.

Adesso assemblate il piatto. Prima uno strato di patate poi la crema di arringa e poi le rape scolate(scolatele bene non come me, che ho fatto finta) sopra sbriciolate l’uovo tritato e finite con l’erba cipollina tagliuzzata.

runas salāti

Il piatto che abbiamo mangiato era sicuramente preparato in anticipo perché tutto era perfettamente amalgamato, ma comunque si sentivano i vari sapori diversi. Sembrava una fetta di una torta più grande. Ogni strato era tritato e mescolato con il kefir.

Strabuonissimo!!

Ecco e con questa ricetta saluto Lettonia e la mia parte dell’Abbecedario Culinario.

Ringrazio di cuore tutti che hanno viaggiato con me, mi avete fatto rivivere quei 4 intensi giorni.

Grazie.

Ed adesso tuuuuuutti dal vicino di casa, Lituania da Angela di Mestolando!

“Pizza” di broccoli – Broccoli “Pizza” – WHB #423 (it)

Broccoli Pizza - Pizza di broccoli

Settimana super attiva, sono in giro praticamente ogni giorno.
Oppure come ieri, mattina, pomeriggio e sera. Alla fine della giornata ho accumulato quasi 28km, ma in 9 9ore.
:)
Tra i giri ho fatto uno con due delle tre guide che mi sostituiscono quest’anno fare le camminate.
Una, Gertrud è dell’Alto Adige l’altra, Riikka è finlandese, si sono unite anche Berit, la mia amica norvegese e Maia, l’amica tedesca di Gertrud così
eravamo un bel gruppo internazionale.
P1280823

Il tempo era magnifico, il giro anche (uno dei miei preferiti)
Pai di sotto – Cà Caminala – Pai di sotto

P1280810

Tra discorsi botanici/storici, discussioni su percorsi, scambi di esperienze, mille foto e anche solo
il piacere della reciproca compagnia le 4 ore per fare i 9 km sono praticamente volati!

P1280808

P1280827

P1280819

Domani facciamo il giro intorno Campo che sono sui 14km…riusciranno tornare a casa i nostri eroi??
:D

“Pizza” di broccoli – Broccoli “Pizza”

Broccoli Pizza - Pizza di broccoli

Questa ricetta l’ho trovato nel blog della mia amica Cristina. Ho subito provato perché mi incuriosiva tantissimo.
Io ho usato il cavolo romanesco e usato del pangrattato alle mandorle e prezzemolo, invece della farina, per il resto ho (quasi) seguito la ricetta.
:)

Vi serve
1 cavolfiore o cavolo romanesco
1 uovo
100-150 gr caciotta o altro formaggio
2 pomodori secchi sott’olio (che non ho messo)
sale, pepe (niente sale ma pepe come se piovesse)
paprika dolce
Farina o Pangrattato con mandorle e prezzemolo

Tritare il broccolo nel bimby (oppure con la grattugia a fori grandi)
Cristina dice di cuocere le bricole a vapore per 2min ma io l’ho usato a crudo.
Mettere le briciol (cotti o crudi) in un strofinaccio pulito e strizzare a più non posso (esce dell’acqua anche da quello crudo)
Adesso mettere la massa in una ciotola aggiungere l’uvo, il formaggio grattugiato, i pomodori secchi se volete, paprika e pepe.
Mescolare con un cucchiaio di legno poi stendere la massa uniformemente su una placca da forno foderata di carta forno.
Non deve essere più alta di mezzo centimetro.
Infornate a 200° per ca 20min o finchè diventa dorata (la mia che è partita da cruda, se cuocete il broccolo anche meno)

Servire insieme ad un’insalata di cappuccio, mela e radicchio oppure come suggerisce Cristina con una crema di verdure.
E’ buona anche fredda il giorno dopo!!
Grazie Cristina!

Broccoli Pizza - Pizza di broccoli

Questa ricetta va ad Elena di Lo Zibaldone Culinario
che  ospita  noi ed il WHB questa settimana

Thanks to, Kalyn di Kalyn’s Kitchen for this lovely idea and
Haalo,Cook (almost) anything at least once for managing successfully this event.
And also for giving me the opportunity to manage the Italian Version of WHB

Grazie a, Kalyn di Kalyn’s Kitchen che ha avuto questa bellissima idea ed a
Haalo,Cook (almost) anything at least once che ora organizza l’edizione Inglese e
che mi ha dato l’opportunità di organizzare l’edizione del WHB in Italiano.

whb423

Spicy mix for apple juice – Preparato per succo di mela speziato – WHB #418

Spicy mix for apple juice - Preparato per succo di mela speziato

January has been a very very wet month, it has rained almost every day.
But now and then the sun come back shining in a clear blue sky.
One of those days I made a lovely walk from Castelletto to Torri.
I started in the afternoon and when I got to Crero the sun started slowly to fade.

San Siro in Crero

I got to Torri with the sunset

The castle of Torri

It was at least three years since I did this track, so when I got to this place I was surprised that I even remembered it.

View of the lake from Loc. Cavrie

This is one of only two places where you can find the Cistus Albidus growing in wildness in Torri, or on the Garda lake.

I felt a little touched, so many memories, so many things that has happen, so many people known.
:)

Spicy mix for apple juice

Spicy mix for apple juice - Preparato per succo di mela speziato

I found this recipe at Francesca’s La Tana del Riccio. Francesca was also the December host of Salutiamoci, and I was her tutor.

You need:

For 1 l of apple juice (unsugared)

1 tsp of star anise
1 tbsp of grated dry orange peel (organic)
2 pieces of cinnamon (Cinnamomum cassia)
5-6 cloves

Mix the ingredients and the put them together with the apple juice in a pot. Heat slowly until boiling.
Serve hot.
I can’t stop drinking it since I discovered it!
:D

Spicy mix for apple juice - Preparato per succo di mela speziato

This goes to Simona from Briciole
hosting the WHB and us this week

Thanks to, Kalyn di Kalyn’s Kitchen for this lovely idea and
Haalo,Cook (almost) anything at least once for managing successfully this event.
And also for giving me the opportunity to manage the Italian Version of WHB

Grazie a, Kalyn di Kalyn’s Kitchen che ha avuto questa bellissima idea ed a
Haalo,Cook (almost) anything at least once che ora organizza l’edizione Inglese e
che mi ha dato l’opportunità di organizzare l’edizione del WHB in Italiano.

whb418