Rif. Fiori del Baldo – Costabella – Monte Baldo

Quando ho iniziato l’avventura di scrivere un blog ero molto indecisa.
Ho pensato a chi avrebbe mai potuto interessare quello che avevo da dire.
Non sono tanto brava ne a scrivere ne ad inventare chissà che ricetta.
Sono molto imprecisa, poco pratica e per niente organizzata.
Non sono brava programmare e se non ho “feeling” non riesco a scrivere.
Ma sono sincera, se sto bene e mi piace e scrivo, se non sto bene e non
non mi piace…semplicemente non scrivo.
Non racconto, punto fine.
Oggi a mie spese ho capito che se tu NON scrivi è peggio che
scrivere male, o insultare.

Oggi per la terza (è per me decisamente ultima) volta sono stata
maltratta al Rif. Fiori del Baldo.
Sono stata aggredita verbalmente ed in modo molto incivile, invitata
a non farmi più vedere lì.
Di considerare quel rifugio inesistente per quanto mi riguarda, che ci sia neve o pioggia o se sono in difficoltà io, lì non ci devo più mettere piede.

E sapete perché
Perchè NON ho scritto
Cioè si ho scritto ma non post come ho fatto per
il rif.Chierego
il rif. Mondini/Prada/Turri.

Del rif. Fiori del Baldo solo qualche commento qui e qui.

Questa la dice lunga sull’invidia e la gelosia di certe persone.

Di tutto mi sarei aspettata in questa avventura di “scrittrice” di
blog…
critiche per le ricette troppo semplici, insulti per foto orribili, correzioni di un’ortografia improbabile…
ma mai mi sarei aspettata di essere aggredita e maltrattata perché non ho scritto o raccontato.

Oggi Simoo mi ha detto e ripetuto, di non prendermela e che in fondo così si impara conoscere la gente.
Ma mi ha incoraggiato scrivere e raccontare cosa è successo.
E così ho fatto.

Ma a parte questo spiacevole episodio oggi è stata
una giornata magnifica, ed insieme a Simoo e Marghe abbiamo
scarpinato, ciacolato, riso e fatto una montagna di foto.
Marghe è stata grandiosa, si ha fatto tutti quasi 900mt di dislivello
da Prada fino su ai Fiori per la direttissima.
Il sentiero sotto i piloni.
E chi l’ha fatto sa di cosa parlo
:-)

rough path

Rays of sun

view of Costabella

view of a grey lake

About these ads

20 responses to “Rif. Fiori del Baldo – Costabella – Monte Baldo

  1. Superrrrrrr che te frega, con tutti i rifugi che hai lì in giro, ti fa un baffo anzi due!!!!
    Ps hai testato nuova digi????? baciusssssss

    • Su questo hai perfettamente ragione!
      eh eh
      yessssssssssss, impostato il gps ma caricando su Flickr non mi mette la location. uffaaaaaaaaaaaaaaa..domani chiamo e mi lamento!
      Grazie SuperAleeee
      baciussss

  2. Fammi sapere che ti dicono, se funge solo con winzoz, ghe pensi mi!!!!
    baciussssssss

  3. Questi son fuori o_0

  4. Brii e Alice – no no ….più che fuori son proprio dei rifugiati…..e solo lì possono stare…….rifugio più rifugio meno c’è di che scegliere, ciauzzzz

    la raccolta è uscita!!!

  5. Makketenefreghi!!! con me sfondi una porta aperta….ciao.

  6. Carissima Bri,

    chi è che ti ha insegnato alcuni sentieri nascosti, dei quali ti vanti tanto su questo BLOG ( tra l’altro con parecchi errori di toponomastica) e di cui fai sfoggio quando accompagni, per conto delle agenzie, turisti stranieri sul M.Baldo???

    E’ risaputo che hai una preferenza per il Rifugio Chierego, io rispetto le tue scelte, ognuno ha le proprie simpatie, ma almeno quando descrivi un itinerario, anche per correttezza di cronaca, nel dare punti di riferimento possibili per colui che si avventura, nella tua descrizione potevi almeno citare: “si passa nelle vicinanze del rifugio Fiori del Baldo”. Non pretendo molto, o no?
    Visto anche che è l’unico rifugio veramente aperto 365 giorni all’anno e per questo, punto di chiamata di un possibile intervento del Soccorso Alpino.

    Pensavi forse che così facendo mi avresti fatto della pubblicità gratuita?
    Non voglio assolutamente, anche perché non ne sento il bisogno!
    Il turista del Baldo deve esser libero di scegliere, perché il Chierego è migliore in alcune cose e il Fiori del Baldo in altre, l’importante è che entrambi siano aperti per dare un servizio migliore ai frequentatori del Baldo.

    Ti ricordo anche che la Regione Veneto da quest’anno fa pagare, elicottero più le spese delle squadre a terra, a chi si avventura sui monti privo di preparazione e richiede l’intervento del 118.
    E se l’infortunato o il disperso ha seguito le tue indicazioni errate o interpretate male o con una preparazione fisica non adeguata, di chi sarebbe la responsabilità?
    Pensaci prima di omettere dei punti chiave e precisazioni importanti che posso salvare una vita.

    Fortunatamente domenica anche il Chierego era aperto così tu e altri turisti avete potuto godere d’un posto caldo , poiché come hai potuto constatare tu stessa il mio rifugio era strapieno di gente.

    Ma, se dopo esser stata al Chierego passi da me per il caffè, per il bagno o per stare al caldo, allora ESISTO ! O è perché trovi un posto più accogliente e caldo, un bagno più pulito, un caffè migliore o solo per carpirmi altri segreti di cui poi ti gongoli tanto sul tuo BLOG?
    O forse Bri abbiamo scoperto che nel tuo BLOG c’è un virus che cancella tutte le frasi dove incontra “rifugio Fiori del Baldo” ?

    Se te la sei presa così tanto mi dispiace, forse ho usato la maniera sbagliata, ma un chiarimento era necessario, ora pensaci tu , sei libera di andare dove vuoi e il mio rifugio è aperto a tutti.

    Ciao Moreno

  7. caro moreno,,,,che tristezza fai con tutta sta invidia !!!!
    la briii magari sarà imprecisa nello scrivere ma “balle” non ne racconta….dimmi un pò… il tuo rifugio aperto a TUTTI 365 gg all’anno?
    purtroppo ci è capitato più di una volta la porta chiusa in faccia con vento e nebbia .
    Rifugio fiori del baldo è un rifugio o una casa privata?
    Simo

  8. Io non accuso nessuno di raccontare BALLE!!!!!!!!!!
    Per il resto, non meriti risposta anche perché non ho scritto a TE.

    Moreno

  9. Io non c’ero domenica, di solito accompagno sempre le mie care amiche
    Brii e Simo su e giù per il Baldo.
    Ma quello che mi è stato riferito mi ha lasciato senza parole…. non ci si rivolge a una signora in quel modo!!
    mettendola imbarazzo davanti a tutti, per una cosa che non esiste.
    Ci sono rifugi dove fanno la torta fatta in casa buona , altri che ti accolgono con simpatia , o come il suo che abbiamo sempre riconosciuto uno dei rifugi( anche sarebbe meglio dire ristorante,visto che rifugio vuole dire un altra cosa) tra i più puliti che abbiamo visitato.
    Siamo sempre entrate nel suo ristorante , in maniera educata e rispettosa, anche dopo aver ricevuto la porta in faccia , una sera che eravamo in difficolta!!!!
    La prego di non rispondermi che non mi riguarda, perchè Brii è un mia carissima amica, condividiamo da anni l’amore per la montagna per il Baldo…e so che tutto quello che fa ,lo fa con passione e in buona fede.
    Bri nel suo locale so che non è più gradita, perciò non metterò più piede nemmeno io.
    Peccato davvero!!!
    P:S. (io le consiglierei di cambiare la scritta rifugio con ristorante.
    forse é la più appropriata)
    cordiali saluti
    Monica Pelloli

  10. Che tristezza. Brii ha sempre pagato le sue consumazioni, quindi andava trattata come una CLIENTE, cioè BENE!

  11. …e un rifugio in montagna è aperto a tutti. A casa propria si può anche chiudere la porta, ma in un luogo pubblico quale un rifugio NO.

  12. Carla Bullio

    Purtroppo tanta gente si è vista chiudere la porta in faccia ai Fiori del Baldo, cosa che non é mai successa al Rifugio Chierego! La gente che entra da voi consuma e paga e va comunque trattata con rispetto! Adesso vi siete fatti proprio una bella pubblicità! L’invidia è una brutta bestia!!!

  13. Attilio Romagnoli

    Brii…da blogger a blogger, non è per niente bello sputtanare le persone e la montagna dei veronesi in questo modo. Ne appare una immagine volgare, come se Costabella fosse il pianerottolo di un condominio. La montagna e chi la vive ha molto più da offrire che voi tutti.

  14. Da blogger a blogger ho letto quello che è accaduto.
    Montagna o non montagna mi sembra che la buona educazione valga o dovrebbe valere in tutti i luoghi.
    Forse proprio chi ha fatto questa piazzata, ha fatto apparire la vostra montagna il pianerottolo di un condominio.
    baciussss

  15. Avevo scritto dei commenti su quanto accaduto su fb, ma mi rendo conto che questa è una storia infinita, quindi dico la mia anche qui. Non avrei mai potuto pensare che il gestore di un rifugio si mettesse a scrivere su un blog con la cattiveria e l’astio che traspaiono dalle sue parole. Non seguo Brii nelle sue camminate ma so che se c’è qualche inesattezza, le cose non si discostano comunque molto dalla realtà: lo spettro del 118 con elicottero annesso che soccorre chi si è perso a causa del blog di Brii lo tenga per le favole che racconta a chi le crede!!!. Anch’io sono stata trattata male ai Fiori del Baldo, l’ho sempre raccontato a tutti. Tornavo dal Telegrafo e, per un problema al piede, zoppicavo. Sono entrata e la signora dietro al banco invece di chiedermi se mi ero fatta male mi ha detto che quella non era un’infermeria!!! Salvo poi cambiare completamente umore quando ha visto entrare dietro di me un responsabile del CAI assieme al gestore di un altro rifugio, che mi avevano accompagnato in auto le ultime centinaia di metri!!! Non credo che sia questo sputtanare la gente, poi non ne hanno certo bisogno, si sputtanano benissimo da soli……….

  16. Pingback: Venerdì vegetariano: Torta di cioccolato e pere del Baito E. Turri (ex rif. Mondini) (it) | briggishome

  17. Pingback: Insalata di melone e gamberetti (sfigati) (it) | briggishome

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s