WHB #296 – il raccolto :-)

Ho avuto un piccolo imprevisto ieri e così non ho purtroppo potuto postare il raccolto del nostro Weekend Herbal Blogging.
Sono molto contenta avervi qui nella mia nuova “casetta” su WordPress.
La settimana è stata molto intensa, giornate bellissime che invece di sfruttare a pieno girando per il Baldo ho passato sugli appunti e sui libri, serate passate in compagnia in diverse sagre; Madonna della Neve, Antica sagra di Biaza, Campo sotto le Stelle, Festa dell’Anguria.
Una notturna per andare vedere i fuochi fatti intorno al lago sabato 13, eravamo un po’ troppo lontani per vedere bene (c’era una leggera foschia sul lago) ma nel cielo nero profondo non c’era una nuvola, la luna era luminosissima, facendo sembrare tutte le stelle sbiadite ma lo stesso, ho avuto la fortuna vederne una cadere!

e voi? Voi ciononostante la settimana di Ferragosto avete avuto il tempo e la voglia mandarmi le vostre ricette per rendere ancora una volta questo evento, questo raccolto speciale.
Vi ringrazio tutte, senza di voi davvero WHB non ci sarebbe!!!!

questa settimana vi presento le ricette in un colorato, fresco, interessante e golosissimo menu!

giornate calde, caldissime. ci vuole qualcosa di molto dissetante, ma sono dell’idea che questa bibita è perfetta accompagnare tutto il nostro pranzo!
questa ricetta arriva dalla bella isola della Sardegna e lo manda la

Trattoria Muvara
Tè verde shakerato con menta

attenzione, importantissimo sbattere lo shaker sul tavolo e servire in bicchieri verdi!! :-D

Iniziamo con dei pomodori freschi ripieni, li manda Cindy da Cindystar.

photo

Terry di Crumpets & co, ha fatto un post interessantissimo sulla carota.
lei è stata la prima mandare la mail questa settimana e dopo avere letto il post ho deciso che meritava essere “spezzato”, che ogni ricetta fosse messa come singola. :-D
quindi, come antipasto mangiamo le sue carotine dorate, glassate all’arancia e dragoncello

mmmm, insieme a queste verdure ci vuole qualcosa di più “serio” :-D,
che ne dite di qualche fungo fritto alle erbe di Libera del blog Accantoalcamino? non sono funghi qualsiasi sono delle “vescie”!
sono bianche sode e se non stai attento li scambi per sassi calcari e li lasci lì! purtroppo sul Baldo quest’anno non c’è ne sono di funghi (l’anno scorso abbiamo raccolto tonnellate di mazze di tamburo) ha piovuto troppo tardi questa primavera e così dobbiamo sperare nell’anno prossimo (c’è chi dice anche fra 2 anni)

tutto buono, ma ci vorrebbe qualcosa di più sostanzioso, qualcosa da abbinare a tutte queste verdurine…
io dico…un profumatissimo tortino di patate saporito!! lo mandano le amiche di Fragoliva. adoro le patate in tutti modi, quindi questo tortino è da provare subito!

Fragoliva ci scrive da un’altra isola meravigliosa, Ischia!

mentre facciamo una pausa aspettando il primo, direi di provare questa frittata molto particolare.
Simona di Briciole fa il formaggio in casa, il neufchâtel ed insieme a delle fragole al forno ha fatto una frittata con fragole e neufchâtel fatto in casa

se volete sapere come si fa il neufchâtel,leggete qui.
non perdete le sue foto in bianco e nero, del formaggio.

il primo lo porta Kris di tutto a occhio!
un delizioso, estivo piatto di pasta: Spaghetti al sugo di calamari e peperone!!
(anche’io adoro il peperone!)

vi anticipo che Kris gentilmente ospita la settimana prossima, WHB #298!

niente secondo, questo è un pranzo estivo, e non vogliamo appesantirci troppo :-DD
direi di passare direttamente al dolce!
aaaah, a quello ci ha pensato Aldissima!
una torta speciale che di sicuro vi piacerà
;-D
Linzertorte glutenfree senza lattosio con Bimby
(sembra il titolo di un film della Wertmuller)

200 g grano saraceno
100 g maizena
100 g farina di riso
250 g margarina morbida
250 g zucchero
250 g mandorle
2 uova
1 cucchiaino cannella
1 punta polvere chiodi di garofano
2 cucchiaini lievito
1 bicchierino rum

Macinare le mandorle 10″ vel. 8, unire nel boccale le farine, lo zucchero, le
spezie, il lievito 20″ vel. 5. Aggiungere margarina, uova, rum 30″ vel. 3, poi
un po’ vel. Spiga spatolando. Fare una palla (anche se risulta un’altra forma
geometrica va bene ugualmente), avvolgere nella pellicola e mettere in frigo
almeno 30′.
“Stendere” (non è il verbo più adatto alla consistenza ma non mi veniva in
mente altro) con un cucchiaio bagnato in una tortiera diametro 26 i 3/4
dell’impasto, coprire con marmellata (io di ribes) e decorare col rimanente
impasto messo nella tasca da pasticcere.
Infornare a 170° per 30/40′, vale la prova stecchino. E’ più morbida il giorno
dopo, sempre che ne avanzi…

ma insieme a questa deliziosa torta ci vuole qualcosa di forte!
e quello lo porta una nostra nuova amica Anca del blog Matrioska’s Adventures
Anca ci scrive da un posto bellissimo nel Piemonte – Alba (Cn)!
liquore ai mirtilli (mmmmmmmmm!)

notate il colore? migliora ancora con il tempo!

io questa settimana ho preparato una salsa, volevo preparare un dolce da una vecchia ricetta tedesca, ma mi mancavano le prugne(mi sentivo scema, visto che le bacche di sambuco le avevo!!)
così ho optato per una vecchia ricetta inglese.
il Pontac sauce, è una salsa che si accompagna con della carne come maiale, oca o anatra.
ma si può anche usare come base per delle salse da accompagnare.
chiuso e conservato bene, dura tantissimo.
(sul sito tedesco, c’era scritto 7anni, su quello ingelse una vita..vedremo!!).
Pontac sauce - Salsa Pontac

rilassiamoci, parlando del più del meno, magari prendendo sole..
ah, ma allora ci dobbiamo proteggere! meglio prevenire che curare, così
ci spruzziamo una lozione bifasica a base di carota. la ricetta è della nostra amica Terry e
la trovare qui.

ma non è tutto, prima di salutarvi e dirvi che vi aspetto ancora partecipare al WHB, vi consiglio
di provare l’oleite di carota che Terry condivide con noi.
(io ho già messo a macerare un grosso vaso di carote! :-D)

Abbiamo grattugiato delle carote bio precedentemente lavate e spazzolate, le abbiamo messe in un vaso di vetro e le abbiamo coperte con olio di semi di girasole (bio e spremuto a freddo ma andrebbe bene anche dell’olio evo o di jojoba) e le abbiamo lasciate macerare per circa 15 gg. al buio. Dopodichè il tutto è stato filtrato con cura (io ho usato un filtro per macchina da caffè americano, comodissimo anche se filtra l’olio molto lentamente) ed abbiamo ottenuto un oleolito di un brillante color arancione.
Come dicevo quest’oleolito (o macerato oleoso) lo si può usare per fare creme ma è ottimo anche usato puro sulla pelle.
E’ infatti ottimo per ridar vita e tono a pelli stanche e spente, è un ottimo antirughe e antiossidante, rigenerare la pelle e l’aiuta a mantenersi elastica e luminosa.”

se avete voglia, se avete tempo se siete rimasti a casa, vi aspetto qui da me per il WHB #297!
:-D
grazie ancora a tutti!

About these ads

8 responses to “WHB #296 – il raccolto :-)

  1. grazie a te Bri :-**************

  2. Alcune foto non si vedono.. :( comunque un gran bel raccolto, pure l’abbronzante alla carota, fantastico!!
    Un bacione Kri

  3. amiche grazie a voi!!
    Cristina, quali foto non si vedono…mi dispiace moltissimo :-(

  4. capito tutto, Aldissima ed Anca!
    sistemato, grazie di avermelo fatto notare!
    baciusss

  5. Un ottimo raccolto, direi. Grazie, Brii!

  6. Quante ricette strepitose, una meglio dell’altra, complimenti a tutti!!!!!!!!!

  7. Ciao carissima…vedo il tutto solo ora… tra qualche giorno via e cambio gestore adsl con annesso blocco connessioni son stata distante dal mondo blog per un po’! :)
    beh dai è stata una bellissima raccolta… un pranzo a cui mi siederei ora :)
    bacioni

  8. Pingback: WHB Versione Italiana – Anno 1 | briggishome

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s